Clown Dottori in missione segreta…per una visita oculistica

I bambini che fanno l’esperienza del ricovero ospedaliero, vivono la visita specialistica come un intervento invasivo: la paura  di procedure e strumenti sconosciuti possono diventare un ostacolo per le cure mediche.

Quando si trovano di fronte a situazioni di questo tipo, i nostri clown dottori usano la forza dell’immaginazione, per aiutare i piccoli pazienti a superare ansie e paure come ci racconta in queste righe il nostro clown Puà.

“Durante il mese di maggio e giugno io e Donc conosciamo un bambino di 10 anni di nome Thomas. Thomas è ricoverato a seguito di una caduta che gli ha provocato un trauma celebrale: la sua convalescenza è stata lunga.

Ogni settimana ci aspetta a braccia aperte, non vede l’ora di giocare con noi. Un giorno un’infermiera comunica a Thomas che deve   sottoporsi ad una visita oculistica. Thomas risponde che l’avrebbe fatta solo se ad accompagnarlo ci fossimo stati anche io e Trottola.

L’infermiera, asseconda la richiesta del bambino e ci viene a chiamare…partiamo per il viaggio. Innanzitutto controlliamo la vettura (sedia a rotelle), verifichiamo che tutte le parti siano collaudate con il giusto livello di magia, gonfiamo le ruote e carichiamo le bolle di sapone…

Lungo la strada ci rendiamo conto che in realtà siamo degli agenti segreti che devono compiere una missione importantissima per salvare il mondo dai cattivi…Ogni spostamento va controllato per permettere al “super agente” di muoversi con discrezione e sicurezza…arriviamo nel posto segreto (il reparto di oculistica): ad accoglierci troviamo un dottore molto simpatico che si lascia coinvolgere nel gioco, tanto che ci chiede di assistere anche alla visita.

Finito il tutto torniamo in pediatria usando la stessa modalità dell’andata…alla fine posso affermare che è stata un’avventura fantastica! Grazie Agente Segreto Thomas!”

RESTA SEMPRE AGGIORNATO CON LA NEWSLETTER: